E’ l’era del CFO 2020. Quali sono le 3 capacità fondamentali di un CFO evoluto?

Da esperto analista di business, ad un CFO sono richieste forti competenze in pianificazione, controllo e reporting… Ma gli studi di oggi hanno indagato ben oltre, tanto da individuare tre specifiche capacità che il CFO del 2020 dovrà necessariamente possedere, se intende fare al meglio il suo lavoro. Vediamo allora insieme quali sono queste tre abilità chiave e quali applicazioni di Controlling potranno supportare il CFO nella sua evoluzione.

1- Prima essenziale capacità necessaria al CFO del 2020 è automatizzare nel reparto Amministrazione Finanza e Controllo tutte le attività ripetitive e prive di valore aggiunto, legate in particolar modo ad alcuni aspetti del controllo di gestione, chiusure ed analisi periodiche, riconciliazione. Disporre quindi di una piattaforma software di pianificazione, controllo e reporting, diventa essenziale per gestire l’area finance, in modo da rendere efficiente e privo di intervento quel che la tecnologia rende automatizzabile. Tuttavia, per sfruttare a pieno i benefici della digitalizzazione, deve trattarsi di un ambiente software unificato, in grado di raccogliere, omogeneizzare ed organizzare qualunque tipo di dato, in qualunque formato, per poi poter automatizzare e ricavare informazioni e linee guida.

2- Seconda strategica abilità di un CFO 2020 è quella del cosiddetto discovery. Solitamente, è una faseche impegna troppo tempo, mentre obiettivo di un CFO evoluto è portare la fase di indagine & azione addirittura al real time. Questo significa scorciare nettamente i tempi tra la fase di analisi ed il momento in cui le linee guida scaturite dall’analisi diventano azione efficace. E’ proprio qui che interviene alla sua massima valenza strategica uno strumento di CPM Corporate Performance Management, in grado di evidenziare in tempi immediati le correlazioni tra i dati, permettendo di agire immediatamente.

3- Terza fondamentale capacità di un CFO 2020 è avere un ruolo attivo e comunicazionale anche nel rapporto con la Direzione e con le altre funzioni aziendali. Poiché il Controller/CFO conosce tutti i vincoli economico-finanziari dell’azienda, può e deve collaborare con la Direzione ed indirizzare le altre funzioni (dall’ufficio acquisti all’ufficio vendite per la creazione di scontistiche su zone e clienti). A supporto di questa esigenza, un valido strumento di CPM provvede alla generazione automatica dei report ed altrettanto permette la creazione di report personalizzati, in modo che sia la Direzione sia ogni funzione abbia la fruibilità delle informazioni rilevanti per la propria attività.

L’evoluzione del CFO e del Controller prevede quindi anche il ricorso a piattaforme più performanti, determinanti soprattutto nelle fasi di pianificazione. La disponibilità di software per l’analisi dei dati semplifica il processo decisionale e fornisce al CFO nuove opportunità di creazione di valore: previsioni ed analisi di scenario più veloci ed attendibili, attività di risk analysis perfezionate, indicatori utili ad individuare i legami causa-effetto. Come dire: più strategia in minore tempo!          

Lavori in area Finance o nel Controllo di Gestione?

Contattaci! Potrai conoscere SELFPLANNING Software di Corporate Performance Management ideale per l’evoluzione della tua azienda! Scrivi a marketing@kventure.it